marco sentieri

#NonLasciamociBullizzareDalCoronavirus di Marco Sentieri

In poche settimane, del nuovo progetto di Marco Sentieri #NonLasciamociBullizzareDalCoronavirus ne parlano oltre 150 testate, il brano è entrato nella top50 delle classifiche radio, sono milioni le visite ai suoi profili social e il video ha già ottenuto circa 50.000 visualizzazioni.

Il concept della canzone ossia la tematica del “bullismo sociale” che esercita il Covid sulle persone sta catalizzando l’attenzione di pubblico e addetti ai lavori. Spiega Marco: “Il Coronavirus bullizza: è un fenomeno che in modo silenzioso ma letale ci emargina socialmente”.

Dopo il successo di “Billy Blu” al Festival di Sanremo 2020, Marco Sentieri torna a parlare di bullismo, quello che il nostro Paese sta vivendo a causa del Covid. Il nuovo progetto #NonLasciamociBullizzareDalCoronavirus è un inno che lancia un messaggio di speranza all’Italia, ricordando quanto la nostra Nazione abbia una tradizione gloriosa, citando eccellenze italiane che hanno scritto la storia del mondo da Manzoni a Michelangelo Mennea Mina Merini Montessori Montalcini.

Videoclip #NonLasciamociBullizzareDalCoronavirus:

La canzone, scritta dall’autore Igor Nogarotto, vuole anche essere un segno di solidarietà verso il mondo dei lavoratori dello spettacolo, particolarmente colpiti dalle conseguenze delle restrizioni causate dal Covid. A tal riguardo, per dare un segnale concreto nella direzione della ripresa della musica, il brano è stato realizzato live, con strumenti veri, dai musicisti della band “Due Quarti” composta da Nicola Pilla (chitarre), Paolo Pollastro (basso, tastiere), Alessandro Pilla (batteria).

Guarda anche...

chadia

Chadia Rodriguez pubblica oggi “Non mi uccidere”

CHADIA RODRIGUEZ pubblica oggi venerdì 16 aprile “Non mi uccidere” (Sony Music Italy), il nuovo brano fa parte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.