mare

Vivere vicino al mare contribuisce a migliorare la salute mentale

Vivere vicino al mare aiuta a ridurre il disagio psicologico e contribuisce a migliorare la salute mentale. A confermarlo uno studio della Michigan State University americana, riportato dal sito In a Bottle (www.inabottle.it).

Lo studio voleva stabilire l’effetto della natura su ansia e depressione, in particolare nelle aree urbane dove c’è meno bellezza naturale. Utilizzando i dati del New Zealand Health Survey, i ricercatori hanno confrontato le statistiche sulla salute mentale della gente residente in zone diverse. Quello che hanno scoperto è che “non c’era alcun effetto significativo per chi vive in zone boschive e che, al contrario, i maggiori effetti sull’attenuazione del disagio psicologico si sono riscontrati in chi vive in luoghi con vista mare”.

Il prossimo passo dello studio, riporta In a Bottle, “è capire se esiste una differenza sul tipo di acqua che si osserva”, ad esempio tra quelle di mare e quelle di lago. “L’interesse dei ricercatori è verificare se esistono stimoli sensoriali differenti tra il suono delle onde e l’odore dell’aria e quindi reazioni diverse sul benessere psicologico. Queste scoperte potrebbero aiutare a identificare alcuni modi concreti per contribuire a trattare la malattia mentale”.

Iscriviti alla Newsletter (16370)

[post-marguee]

Guarda anche...

sib

Capacchione: L’importanza economica ed ecologica del mare impone un impegno straordinario delle istituzioni

“Concentrare le competenze nazionali in un unico Ministero, avviare una nuova stagione pianificatoria e semplificare …