Artisti

Gennaio, 2011

  • 15 Gennaio

    Baccini canta Tenco, nuovo tour

    Francesco Baccini

    Così Francesco Baccini presenta il suo nuovo tour che avrà un'anteprima martedì 18 gennaio al Palais di Saint-Vincent (ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti) e che lo vedra' protagonista nei prossimi mesi in mezza Italia.
    Ad accompagnare il cantautore genovese, che si presenterà come sempre al pianoforte a coda, sara' una band di sei elementi: tastiere, chitarra classica, batteria, sax, basso/contrabbasso, violino/violoncello.
    ANSA

  • 15 Gennaio

    Malika Ayane parte alla conquista dell’Europa: domani esce “Il giorno in più”

    Malika Ayane

    Olanda, Francia, Germania e poi di nuovo Francia. Mentre nelle radio italiane da domani suonerà il nuovo brano “Il giorno in più”, Malika Ayane, l’interprete più acclamata del 2010, si appresta a partire con la sua band per un viaggio oltreconfine che nelle prossime settimane la porterà sui palchi di alcune delle più importanti città europee.
    Prima tappa domani, 14 gennaio, al Festival Eurosonic di Groningen in Olanda: scelta da Radio2 per rappresentare l’Italia, l’artista salirà sul palco del Grand Theatre Up insieme a Giulia Monti al violoncello, Stefano Brandoni alla chitarra, Marco Mariniello al basso, Carlo Gaudiello alle tastiere e Phil Mer alla batteria per dare vita ad una session musicale costruita sul suo grande repertorio di hit. Con la stessa formazione, il 25 gennaio, Malika Ayane è attesa al Midem di Cannes, il mercato internazionale della musica. Febbraio sarà invece il mese del tour in Germania. Preceduto il 14 febbraio dalla pubblicazione dell’album Grovigli in Francia, dove Malika tornerà per esibirà il 4 aprile al Teatro Europeen di Parigi, il tour nei club delle principali città tedesche prenderà il via il 21 febbraio da Francoforte (Meinz), per toccare Monaco il 22 (Freiheiz), Berlino il 23 (Studio), Amburgo il 24 (Stage Club) e chiudersi il 25 a Colonia (Stadtgarte).
    Nel frattempo, da domani Malika sarà in radio con “Il giorno in più”, la struggente ballata firmata da Pacifico e contenuta nel suo ultimo progetto discografico “Grovigli Special Tour Edition”. Il brano che segna l’esordio alla produzione della stessa Malika Ayane, vanta anche la preziosa collaborazione di Alexander Balanescu che ha firmato l’arrangiamento degli archi e dei fiati.

  • 14 Gennaio

    I Subsonica lanciano Eden 2.0

    Subsonica

    Dance is For Sharing Eden 2.0: e' la nuova iniziativa dei Subsonica basata sul concept del video di Eden, in cui sono state coinvolti performer, ballerini di strada, fan della band e gli stessi musicisti. La band ha creato una piattaforma (eden.subsonica.info) su cui chiunque puo' caricare il proprio video 'danzante' per realizzare una versione interattiva del clip di Eden.
    Ansa

  • 14 Gennaio

    Nek, da oggi in radio “Vulnerabile”

    Nek

    Dopo il successo di "E da qui", da venerdi' 14 sara' in radio "Vulnerabile", il secondo singolo inedito di Nek contenuto in "E da qui - Greatest Hits 1992 - 2010", la piu' esauriente e completa collezione dei suoi piu' grandi successi. "E da qui - Greatest Hits 1992 - 2010" (etichetta Warner Music), uscito in Italia lo scorso 16 novembre, raggiunge il disco di platino per le vendite mantenendosi stabile in classifica. Il disco, dopo essere stato pubblicato in Svizzera, Belgio, Germania e in Portogallo, nel 2011 sara' in vendita anche in Spagna e nei paesi latinoamericani. Un doppio album (prodotto da Nek, Alfredo Cerruti e Dado Parisini), a prezzo speciale, che consacra i 20 anni di musica (calcolando anche l'esordio al Festival di Castrocaro 1991) e il successo internazionale di Nek. La raccolta contiene 36 canzoni (fra cui 3 brani in versione originale e live), nella quale Nek prende slancio dal passato per proiettarsi nel futuro con 3 canzoni inedite: il primo singolo "E da qui", "E' con te" (dedicata alla figlia Beatrice Maria) e "Vulnerabile". Per iTunes e' disponibile una versione deluxe arricchita dalla bonus track "Se una regola c'e'" live , dal videoclip di "E da qui" e dal relativo video backstage.
    AGI

  • 14 Gennaio

    Raphael Gualazzi conquista le radio con “Follia D’Amore”

    Raphael Gualazzi

    Il talento Sugar dopo “Reality and Fantasy” porta in radio “Follia D’Amore”, brano candidato a Sanremo Giovani

    Dopo il successo ottenuto con “Reality and Fantasy”, brano che ha scalato le classifiche digitali di tutto il mondo e in rotazione continua sui network radiofonici italiani ed esteri, il giovane talento Sugar, Raphael Gualazzi torna protagonista delle radio con il suo nuovo singolo, “Follia d’Amore”, brano candidato a partecipare al 61esimo Festival di Sanremo, che vede la partecipazione di Fabrizio Bosso alla tromba e gli archi di Vince Mendoza.

    Il brano è una ballata intrisa di sonorità jazz, swing e rithm&blues esaltate dal virtuosismo dell’artista al pianoforte e con un arrangiamento che si avvale anche del particolare suono del kazoo. “E vedrai un’altra te quasi invincibile, viva come non mai, ed è lì che tu mi avrai, oltre false magie l’orizzonte sarai, splenderai”, cita il testo scritto dallo stesso Gualazzi.

    Pianista e compositore, Raphael Gualazzi si è imposto all’attenzione di critica e pubblico per il suo stile unico capace di mescolare le sonorità tipiche del pre-jazz e delle stride piano con le influenze più innovative di artisti eclettici come Jamiroquai e Ben Harper.

    Sulla pagina Facebook ufficiale dell’artista (http://www.facebook.com/Raphael.Gualazzi), diventando fan, è possibile ricevere il vinile di “Reality and Fantasy”, suo primo singolo.




  • 13 Gennaio

    Rassegna Jazzitalia: Sarah Jane Morris & Ian Shaw

    Sarah Jane Morris

    Al nastro di partenza la seconda parte della Settima Stagione della Rassegna “Jazzitalia” del Jazz Club Ueffilo (Via Donato Boscia 21 – Gioia del Colle) , sempre con la direzione artistica di Marco Losavio e Alceste Ayroldi .
    Un inizio al fulmicotone con due tra le più belle voci in circolazione in Europa: Domenica 23 gennaio il palco del Ueffilo ospiterà lo straordinario duo Sarah Jane Morris e Ian Shaw.
    L’ inconfondibile voce di Sarah Jane Morris, che arriva a toccare l’estensione di quattro ottave, è legata all’album eponimo dei Communards del 1986, dove duetta con Jimmy Sommerville nel celeberimmo remake di “Don’t leave this way”. Successivamente, nel 1991, partecipa al festival di Sanremo affiancando Riccardo Cocciante nell’esecuzione del brano vincitore di quella edizione: “Se stiamo insieme”. Nel 2006, sempre a Sanremo, canta con Simona Bencini il brano “Tempesta”, nella serata dedicata ai duetti. Memorabile è la sua personalissima esecuzione di “Me and Mrs Jones”. “Where it hurts” è i titolo del nuovo album che è stato pubblicato dalla Nun Records nel 2009. In Italia è ospite fissa del Blue Note di Milano e dei festival più prestigiosi.
    "Best Jazz Vocalist" al BBC Jazz Award nel 2007 e nel 2004, Ian Shaw ha già inciso diversi album di successo sia nel Regno Unito e gli Stati Uniti. E’ definito dalla critica, insieme con Mark Murphy e Kurt Elling, come uno dei migliori vocalist . "Drawn to All Things - the songs of Joni Mitchell", il suo acclamato album del 2006 lo ha consacrato come il più grande jazz vocalist maschile della Gran Bretagna (Jazz Times). Ha collaborato con Quincy Jones, Abudullah Ibrahim, Guy Barker, Kenny Wheeler, John Taylor, Iain Ballamy, Mornington Lockett, Barb Jungr, Cleo Laine e John Dankworth, Cedar Walton, Joe Lovano e Joe Beck.

    Sarah Jane Morris, voce
    Ian Shaw, pianoforte e voce

  • 13 Gennaio

    Pino Daniele, da venerdi in radio il nuovo singolo “It’s a beautiful day”

    Pino Daniele

    Sarà in radio da venerdì “It’s a beautiful day”, secondo singolo estratto dal nuovo disco di Pino Daniele, “Boogie Boogie Man” uscito il 23 novembre (pubblicato da Sony Music).
    “It’s a beautiful day” è il secondo dei due inediti del disco che si compone di dodici brani, in cui sono racchiusi indimenticabili capolavori che hanno segnato la vita artistica di PINO DANIELE.
    “Boogie Boogie Man” è impreziosito da grandi duetti con Mina, Franco Battiato, Mario Biondi, J-Ax rispettivamente in “Napule è”, “Chi tene o’ mare”, “Je so’ pazzo” e “Siente fa accussi”. Quest’ultimo brano è una versione di “Yes I know my way” con nuovi arrangiamenti e un nuovo testo (scritto in collaborazione con lo stesso J-Ax).
    Alla realizzazione del disco hanno collaborato musicisti internazionali del calibro di Mel Collins (sax), Omar Hakim (batteria), Matthew Garrison (basso) e Rachel Z (piano), oltre alla band di fiducia di Pino Daniele.
    “boogie boogie man” segue l’uscita del disco “Electric Jam”, pubblicato nel 2009, e del relativo tour (organizzato da F&P Group) durato oltre un anno, tra Italia ed estero (tra cui il concerto del 1 ottobre 2009 all’Apollo Theatre, tempio newyorkese della black music), in palasport, teatri e suggestive arene estive, oltre alla partecipazione, come unico ospite italiano, al Crossroads Guitar Festival organizzato da Eric Clapton e svoltosi il 26 giugno di quest’anno a Chicago.
    E’ spostato a ottobre il concerto di Pino Daniele originariamente previsto per il 16 marzo al Teatro degli Arcimboldi di Milano.

    Il biglietto del concerto non è valido per altre date ma è rimborsabile recandosi presso il punto vendita dove è stato acquistato, fino al 23 marzo.
    Per gli acquisti on line (dal sito www.ticketone.it )è necessario scrivere all’indirizzo:ecomm.customerservice@ticketone.it
    Il tour che vedrà il cantautore napoletano esibirsi in tutti i più importanti teatri italiani partirà a ottobre.

  • 13 Gennaio

    Caro Emerald premiata come Best European Border Breakers 2010

    Caro Emerald

    Ieri sera Caro Emerald è stata premiata a Groningen (Olanda) come Best European Border Breakers 2010!

    Il premio va alla musicista e band con il miglior risultato di vendita, ottenuto con l’album di debutto in tutta Europa, non contando il suo Stato.
    L’album di debutto di Caro Emerald “Deleted scenes from the cutting room floor” è l’album da record in Olanda ma sta ottenendo grandissimi risultati anche in Italia, Polonia e UK.

  • 12 Gennaio

    Elisa incanta Pitti Immagine Uomo a Firenze

    Elisa

    Con una coinvolgente esibizione Elisa ieri sera ha aperto ufficialmente la 79esima edizione di Pitti Immagine Uomo a Firenze. Standing ovation finale per l’artista di Monfalcone che ha accompagnato con la sua voce straordinaria la sfilata evento di Alberta Ferretti, dando il via alla quattro giorni del salone dedicato al pubblico maschile. Nella suggestiva cornice di Santo Stefano al Ponte, una chiesa sconsacrata su Ponte Vecchio, Elisa in abito bianco si è esibita live in un medley di alcuni suoi brani di successo: suonando l’armonium accompagnata dal chitarrista Andrea Rigonat, l'artista ha condotto in passerella le 33 modelle che hanno sfilato per l’evento speciale di Alberta Ferretti, in un'iniziativa legata alla Jordan River Foundation, fondazione fondata e resieduta dalla Regina Rania di Gordania che si batte in nome dell'emancipazione e dell'indipendenza delle donne.
    Il defilè è stato accompagnato dalle note di “Forgiveness”, “Lullaby”, passando per “Nostalgia”, primo singolo estratto del nuovo progetto discografico di Elisa “Ivy”, uscito a fine novembre su etichetta Sugar, fino a “Luce”, brano che si aggiudicato sul sito musicale Rockol il titolo di “Miglior Canzone Italiana del decennio”. Un momento estremamente positivo per l’artista che, insieme alle colleghe e amiche promotrici dell’iniziativa “Amiche per l’Abruzzo”, ha vinto anche nella categoria Miglior Artista Live del decennio. Elisa è prossima alla partenza del suo nuovo tour “Ivy I e II”, nel quale porterà in scena due spettacoli diversi, al via il 4 e 5 marzo dall’Auditorium della Conciliazione di Roma. Il live prevede due date in ogni città con due concerti differenti tra loro, ciascuno con una propria scaletta.

  • 12 Gennaio

    Quintorigo “English Garden” in uscita per Edel dal 25 gennaio 2011

    Quintorigo

    Tornano sulle scene musicali i magici Quintorigo con un disco che segna un’ulteriore, importante scommessa nella loro affascinante e sempre cangiante carriera. La “factory” Quintorigo si è messa dunque di nuovo al lavoro: dopo la recente, travolgente tournée del Play Mingus, dopo aver rimasticato il jazz di uno dei grandi pitecantropi eretti e dopo aver il Top Jazz nel 2009 come miglior formazione jazz dell’anno, per il nuovo progetto la band ha deciso di rimodellare la propria personale idea di ital-rock,componendo un disco completamente in lingua inglese e chiedendo ad una delle attrici/cantanti icone del momento, Juliette Lewis, di suggellare con la sua unica e sensuale voce alcuni brani del loro nuovo album, English Garden. Un disco che già dal titolo rivela le ambizioni della band. Il giardino inglese rappresenta per la factory-Quintorigo un simbolo di convivenza di opposti, un portentoso gioco di equilibri, in cui il selvaggio si bilancia con il regolare, l’ameno con il malinconico, il maestoso con l’elegante, un luogo misterioso che si lascia mano mano scoprire senza rivelarsi con una chiara visione d’insieme.
    English Garden simboleggia un ritorno all’attitudine istintiva e viscerale del rock degli esordi della band. Quel qualcosa di ancestrale che tutti i musicisti dopo una lunga carriera dovrebbero avere sempre il coraggio di riprendere in mano e tornare a farci i conti. Per rivederlo, stravolgerlo e rimettersi in gioco ancora una volta. E questa attitudine viene espressa con gli strumenti di sempre: il sassofono di Valentino, il violoncello di Gionata, il violino di Andrea, il contrabbasso di Stefano. Strumenti classici (mal)trattati come non mai, sfibrati e trasformati con potente energia; filtrati e modificati con mirabolanti giochi di suoni da una moderna sensibilità e sparati all’unisono verso risultati che sanno di sperimentazione, di portentoso rock’n roll, a tratti di jazz, di soul e di quella perversa e salutare attitudine punk/blues che non hanno mai perso. Quella voglia di urlare in musica, di amalgamare la dolcezza con la rabbia e la ruvidezza delle origini. E poi c’è la voce di Luca Sapio, il nuovo arrivato che mette il suggello di rango, autore di tutti i brani insieme al resto della band, come nelle migliori factory musicali. Una voce che diventa a tratti un vero e proprio strumento, che gratta le corde vocali come un serpente accarezza le sue stesse spire, e che interpreta appieno la voglia dei Quintorigo di uscire fuori dall’Italia ed andarsene finalmente a spasso per il mondo.
    English Garden infatti arriverà presto anche all’estero. Partendo dalla Romagna, da quella via Emilia che in fondo può condurre da qualunque parte, basta percorrerla e ti porta lontano: dall’attitudine popolare ed orchestrale fino alle propaggini della più moderna downtown metropolitana. Come in questo mirabolante e stupefacente album. Che non è mai lo stesso, che passa da episodi dolcissimi a rapinose ventate di furia musicale, da sospensioni bucoliche a momenti di avanspettacolo, da taglienti staffilate di archi e urla di sassofoni bruciati, fino alle risate erotico/sataniche di Juliette Lewis in Lies! e How does it feel? .

    English Garden-Tracklist:
    1.English garden
    2.The Fault Line
    3.Teardrops
    4.How does it feel? (feat. J.Lewis)
    5.The place they claimed
    6.Somewhere else
    7.Shepherd of the sheep
    8.Candyman
    9.Lies! (feat. Juliette Lewis)
    10.Hang Man Blues
    11.Burning Doubts