Home | InfoMare | Report incontro odierno con il Ministro del Turismo Gian Marco Centinaio

Report incontro odierno con il Ministro del Turismo Gian Marco Centinaio

Capacchione: ferma contrarietà alle gare; applicare i quindici anni; depenalizzare l’articolo 1.161 del Codice della Navigazione e tutelare i pertinenziali.

Siamo stati convocati stamane dal Ministro Centinaio che ci illustrato il percorso di attuazione della cd Legge di Stabilità, che ha differito di quindici anni la scadenza delle concessioni demaniali marittime e, nel contempo, ha individuato un percorso di riforma complessiva del settore attraverso, anche, l’emanazione di un DPCM.

Il Ministro, dopo aver ricordato la condivisione da parte di tutte le forze politiche e sindacali del risultato conseguito con la Legge di Stabilità, inteso come primo passo per la messa in sicurezza del settore, ha evidenziato che le bozze di DPCM in circolazione non sono definitive, anche perchè è ancora in itinere l’interlocuzione con tutti i molteplici Ministeri coinvolti e con l’Unione Europea.

A tal proposito il Ministro ha sottolineato che, al momento, nessuna procedura di infrazione è stata avviata dall’Unione Europea a conferma della solidità dell’impianto riformatore contenuto nella Legge di Stabilità.

Centinaio, ha, quindi, fatto appello all’unità, affinchè eventuali divisioni non pregiudichino l’obiettivo, da tutti condiviso, di evitare la liquidazione di questo importante settore del Paese.

Abbiamo ringraziato il ministro Centinaio per la convocazione, per l’inequivocabile impegno sin qui manifestato a difesa e tutela della categoria ma, nel contempo, abbiamo ribadito la nostra ferma contrarietà all’applicazione della Bolkestein al nostro settore e, quindi, la necessità di evitare assolutamente che le aziende attualmente operanti siano messe a gara comunque denominata e/o disciplinata.

Abbiamo, altresì, ribadito l’estrema urgenza di una soluzione al problema dei pertinenziali, inspiegabilmente, non convocati all’incontro e, con forza, evidenziato che i quindici anni non sono un obiettivo raggiunto ma un risultato ancora da conseguire perchè sono molti i comuni che non hanno ancora applicato la Legge di Stabilità.

A tal proposito riteniamo estremamente utile valorizzare la circostanza dell’assenza di procedure di infrazione comunitaria sulla legge dei quindici anni al fine di tranquillizzare funzionari comunali ancora titubanti.

Abbiamo, infine, evidenziato l’emergenza dovuta a interventi di supplenza della magistratura penale che richiedono un urgente e non differibile intervento legislativo, magari di depenalizzazione, di alcune disposizioni del Codice della Navigazione.

C’è stato l’impegno del Ministro a comunicarci il testo definitivo, prima del suo varo, nonché la disponibilità a ricevere eventuali osservazione e deduzioni che ci siamo impegnati a fornire.

Facciamo nostro l’appello lanciato da Centinaio all’unità di tutte le forze politiche e sindacali a difesa di questa importante categoria evitando divisioni infondate e dannose.

Antonio Capacchione, presidente del S.I.B. Sindacato Italiano Balneari FIPE/Confcommercio

Guarda anche...

l S.I.B. chiede al ministro delle Infrastrutture De Micheli di superare i ritardi delle Autorità portuali nell’applicazione della Legge di stabilità

Abbiamo chiesto un incontro urgente al Ministro delle infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi