antonio capacchione

Taxi, Balneari: Concordi con la protesta

Capacchione (SIB): “Inaccettabile sacrificare il lavoro e le aziende di decine di migliaia di famiglie a causa dell’errata applicazione della Direttiva Bolkestein”.

“Gli imprenditori balneari italiani sono a fianco dei tassisti nella protesta contro la liberalizzazione del loro settore, frutto, come per la nostra categoria, di una errata applicazione della Direttiva Bolkestein” – lo ha dichiarato Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano Balneari aderente a FIPE/Confcommercio.

Il Ddl concorrenza per i balneari, infatti, prevede la confisca e la messa a gara di aziende, che – ricordiamo – sono private malgrado operino su suolo pubblico, anche laddove sia possibile il rilascio di altre concessioni demaniali o economicamente modeste e, quindi, prive di un interesse transfrontaliero.

“È inaccettabile sacrificare il lavoro e le aziende di decine di migliaia di famiglie – ha concluso Capacchione – solo per dimostrare all’Europa che l’attuale Governo è così europeista tanto da andare, persino, oltre le richieste della Commissione europea”.

Guarda anche...

capacchione

SIB. Parte la terza edizione di “Tipici da spiaggia”

La cultura del ‘Made in Italy’ arriva direttamente sotto l’ombrellone con la rassegna di cibo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.