Riunione commissione giustizia UE

Procaccini: “All’ordine del giorno la condanna dell’Ungheria per l’abuso di decreti nella lotta al coronavirus. Ma la riunione in videoconferenza salta per mancanza di connessione. Due scandali in un solo pomeriggio”.

“Se con Bruxelles risulta impossibile anche improntare una banale videoconferenza, come è accaduto questo pomeriggio per la Commissione LIBE (Affari Interni e Giustizia), c’è veramente da preoccuparsi. Quello che è accaduto è l’ennesima brutta pagina dell’istituzione europea, ma ancor più grave dell’aspetto tecnologico è che all’ordine del giorno di tale riunione ci fosse una condanna dell’Ungheria per il mancato coinvolgimento del Parlamento magiaro nella lotta al Coronavirus, quando in Italia accade ben di peggio”.

E’ quanto dichiara l’eurodeputato di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini, commentando la fallita riunione ufficiale di oggi in videoconferenza tra i coordinatori della Commissione LIBE, e aggiunge:

“Trovo assurdo che dopo un’ora e mezza di tentativi patetici, il presidente della Commissione LIBE abbia dovuto alzare bandiera bianca: impossibile sentirsi l’un l’altro, impossibile vedere e ascoltare l’intervento del Commissario Johansson a causa dei problemi di connessione. Una situazione incredibile, davvero assurda per una istituzione a cui l’Italia ogni anno versa in media 13 miliardi e che dovrebbe dare per consolidata una tecnologia alla portata anche dei cittadini europei più “antidiluviani”. Ma la cosa davvero incredibile riguarda l’ordine del giorno che, ignorando l’emergenza in atto, prevedeva un’azione di condanna della legge che si sta per votare in Ungheria, in virtù della quale si attribuisce al governo Orban la possibilità di emanare decreti di urgenza fino al termine dell’emergenza sanitaria. Sostanzialmente è quello che sta facendo da settimane il premier Conte in Italia senza che nessuno in Europa si indigni: per queste stesse azioni, invece, la UE si precipita ad assegnare ad Orban l’etichetta di antidemocratico”.

Guarda anche...

parlamento europeo

Il PE invita a sfruttare appieno la Garanzia europea per i giovani

• Il finanziamento della Garanzia per i giovani dovrebbe essere rafforzato per il periodo 2021-2027• …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi