Violati i diritti di coppia gay. Strasburgo condanna l’Italia

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia a risarcire i “danni morali” provocati per aver rifiutato di rilasciare il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare ad un cittadino neozelandese che voleva vivere nel nostro paese col suo compagno italiano. In questo modo, per i giudici di Strasburgo, l’Italia ha violato il diritto della coppia a non essere discriminata. La sentenza prevede un risarcimento di 20.000 euro. Diventerà definitiva tra 3 mesi se le parti non ricorreranno in appello.

Iscriviti alla Newsletter (16371)

[post-marguee]

Guarda anche...

Corte dei Conti UE

Non tutti gli investimenti per lo sviluppo rurale producono vantaggi duraturi

Dal 2007 la Commissione europea ha speso più di 25 miliardi di euro dei fondi destinati allo …