Oreste Rossi
Oreste Rossi

Italia bacchettata dall’UE su condizioni insegnanti precari

Bruxelles, 29 novembre 2013. «Bene la presa di posizione di Bruxelles sui nostri insegnanti precari. Dopo maxi-concorsi bufale e anni di precariato a stipendi da fame, era ora che l’Europa intervenisse sulle avvilenti condizioni della scuola pubblica italiana». L’eurodeputato PPE Oreste Rossi, membro dei Popolari italiani per l’Europa a Strasburgo, commenta così il richiamo della Commissione europea allo Stato italiano, colpevole di non aver assicurato ai professori “a tempo” della scuola pubblica lo stesso stipendio di quelli di ruolo, quando in realtà svolgono lo stesso lavoro ma hanno un contratto diverso che li lascia precari anche dopo tanti anni di lavoro continuativo. Bruxelles ha deciso di mandare avanti la procedura d’infrazione in corso e ora il nostro Paese ha due mesi di tempo per rispondere, altrimenti il caso finirà dinanzi alla Corte di giustizia UE.

«Il Governo e il Ministero dell’istruzione – ha detto Rossi – intervengano immediatamente. I nostri insegnanti, la nostra scuola hanno bisogno di maggiori certezze. Molto spesso i professori ‘a tempo’ hanno le stesse esperienze professionali dei loro colleghi con contratti a tempo indeterminato, eppure vengono discriminati».

«I numeri spaventano. Oggi ci sono oltre 130.000 persone con contratto a tempo determinato nella nostra scuola. Se si vuole garantire un accesso all’istruzione equo e democratico per tutti è necessario intervenire con un piano di stabilizzazione che tuteli i loro diritti».

Guarda anche...

Lucia Azzolina

Educazione civica come materia obbligatoria nel prossimo anno scolastico

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, dopo aver preso atto delle dichiarazioni …

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi